martedì 24 aprile 2018

E le serie? (riassunto della prima di Westworld)

Per ingannare l'attesa dell'evento "Infinity War", torniamo un attimo alle serie. Al fondo trovate un riassunto video e uno testuale della prima stagione di Westworld (stanotte è ricominciata la seconda).


La mia serie preferita resta Agents of Shield. La quinta stagione cambia ambientazione, lanciando la squadra di Coulson nello spazio e nel tempo. Kree, distruzione della terra, viaggi nel tempo, distopia, DueTesteAlPostoDiUna (giusto per non fare spoiler esplicito), Confedererazione intergalattica. Devo aggiungere altro?


Fonte: telefilmaddicted.com

Per la altre serie, la competizione per occupare il poco tempo libero è serrata. Sono fedele a Gotham e Flash (gradevole, sebbene alterni fasi di ripetività a eccessive concessioni al ridicolo, in particolare le prime puntate incentrate su "Elongated Man", ma questo era il mood anche del personaggio cartaceo). Sto guardando Jessica Jones e sono più o meno al passo con Black Lightining (una new entry che non mi convince del tutto, non tanto per la qualità quanto per i pochi riferimenti ai DC Comics). 




PROSSIMAMENTE
Il 22 giugno arriva la seconda stagione anche di Luke Cage. Presumibilmente in autunno vedremo la terza di Daredevil e la quarta di Better Call Saul. Bisognerà attendere invece il 2019 per il seguito di Iron Fist e soprattutto per l'ottava e ultima stagione di Game of Thrones.



ARRETRATI
Ho lasciato (molto) indietro Inhumans, The Punisher e - lo so, sono una brutta persona - le nuove puntate di Twin Peaks. La terza di Gomorra neanche cominciata. Non ho ancora visto la seconda metà della settima di The Walking Dead (per cui non ho iniziato l'ottava).
Mica posso vedere tutto io :-)

Fonte: indiewire.com


SALVATION
Segnalo una serie già trasmessa sulla Rai e riproposta da Netflix. Salvation è incentrata su uno studente dell'MIT "genio e sregolatezza" e uno scienziato imprenditore stile "Elon Musk": i due devono salvare la terra dall'impatto con un grosso asteroide, nonostante gli ostacoli posti dal governo americano e relative agenzie. 

 Fonte: fantascienza.com


Lo spunto ovviamente non è originale, le recensioni mediamente non sono entusiaste, ma trovo abbastanza interessanti i personaggi, le sottotrame, i colpi di scena. Apparentemente assenti gli strafalcioni scientifici (anche il motore elettromagnetico che sembra sfidare le leggi della fisica), e ricordiamoci che è sci-fi. Se vi piace il genere, datele una chance.





WESTWORLD
Torna Westworld. Ricordate poco o nulla della prima stagione? A parte il banale ricorso a Wikipedia, segnalo un videoriassunto di 4 minuti realizzato dalla stessa HBO, e una sintesi a cura de ilpost.it:  


Westworld è una serie di fantascienza con ambientazione (anche, ma non solo) western, e chi ne ha apprezzato la prima stagione – gustandosi quella che per altri era la frustrazione di avere sempre più domande e quasi sempre poche risposte – probabilmente non vede l’ora che inizi la seconda. Per chi non può rivedersi tutti i dieci episodi della prima stagione, qui c’è una sintesi di quello che c’è da sapere per non essere spaesati all’inizio dalla seconda. O comunque per non essere troppo spaesati.

Le basi del parco
La storia è ambientata in un futuro non molto lontano e non esattamente definito, in un luogo non meglio definito. C’è un immenso parco tematico che ricrea alla perfezione il West dei film western, in cui vivono androidi con sembianze umane. Sono indistinguibili dagli umani e loro stessi non sanno di essere androidi. Il parco è frequentato da veri uomini e vere donne, che pagano 40mila dollari al giorno per “giocare al West”, interagendo con i robot e abusandone spesso. I robot, oltre a essere esteticamente indistinguibili dagli uomini, sono anche piuttosto complessi psicologicamente.

Le regole sono semplici: il comportamento degli androidi è determinato da una serie di linee narrative studiate dagli “sceneggiatori” del parco. Gli esseri umani, cioè gli ospiti paganti, possono scegliere se partecipare a queste linee narrative – per esempio accettando di partecipare alla cattura di un pericoloso bandito – oppure scorrazzare liberamente per il parco. Possono anche scegliere se essere buoni, e farsi dei giri a cavallo, o essere cattivi e ingannare, rubare, uccidere e stuprare. Gli uomini possono uccidere gli androidi, gli androidi non possono uccidere gli uomini e non possono nemmeno fare loro del male. Gli androidi, inoltre, funzionano in una specie di loop: ogni mattina si svegliano, fanno quello che devono fare, e anche se vengono stuprati, picchiati o uccisi, il giorno dopo vengono riparati, rimontati e riprogrammati per ricominciare da capo, senza ricordare ciò che gli è successo il giorno prima. Pronti per riprendere il loro ruolo nella linea narrativa di cui fanno parte.

Cosa c’è fuori dal parco?
C’è il mondo vero, di cui non si sa praticamente nulla: solo che è tecnologicamente piuttosto avanzato. Il parco è controllato dalla Delos, una potente società di cui si sa altrettanto poco. Le teorie – Westworld è piena di teorie, elaborate soprattutto su Reddit – dicono che l’anno sia il 2052 e che Westworld si trovi su una grande isola. Gli eventi della prima stagione lasciano chiaramente intendere che Westworld (inteso come parco a tema western) non sia l’unico parco a tema di Delos.

A monitorare e gestire il tutto ci sono una serie di tecnici, scienziati e esperti che supervisionano quello che succede, riparano e sistemano gli androidi e decidono – a grandi linee – cosa far succedere e quando.

Fabula e intreccio
Lo si capiva davvero solo verso la fine, ma la prima stagione di Westworld intrecciava tra loro eventi di diverse linee temporali: due in particolare, distanti tra loro circa trent’anni. Riassumere gli eventi seguendo il disordine cronologico con cui vengono presentati nella prima stagione sarebbe poco utile, creando inutili complicazioni, e già è complicata così. Quindi di seguito troverete prima il riassunto di quello che successe prima; poi di quello che succede dopo. Iniziano gli spoiler, se non avete visto la prima stagione.

Quello che successe prima
Robert Ford (Anthony Hopkins) e Arnold Weber lavoravano insieme al parco. Weber voleva dare agli androidi una vera coscienza, basata sulla teoria della mente bicamerale, una vera ipotesi sull’origine della mente umana proposta negli anni Settanta dallo psicologo statunitense Julian Jaynes. La teoria dice che una coscienza si può sviluppare grazie a una voce interiore, una “voce di Dio”: Arnold voleva dare agli androidi questa “voce interiore”, o aiutarli a trovarla. Ford non era d’accordo.

Arnold decise di fare di testa sua: si concentrò su un androide di nome Dolores e lavorò con lei affinché sviluppasse una coscienza, diventando quindi sempre più umana e sempre meno androide. Facendolo, Arnold capì che il risultato avrebbe reso coscienti gli androidi della loro miserabile condizione di schiavi vessati, programmati e manovrati a piacimento degli umani. Decise quindi che voleva far fallire il parco e aiutò Dolores a rendersi conto della sua condizione, portandola a uccidere altri androidi e, infine, a uccidere lui stesso. Sperava che la cosa avrebbe creato immensi problemi etici e pratici, che avrebbero impedito l’apertura di Westworld. Invece Dolores fu riprogrammata per essere un androide come tutti gli altri e il parco aperto.

Quello che succde un po’ dopo, trent’anni prima del resto
Dopo i primi successi, il parco inizia ad andare un po’ male. Tra quelli che vanno a visitarlo ci sono Logan e William (Jimmi Simpson). Logan è un pezzo grosso della Delos, William sta per sposarne la sorella. Logan è cattivo, William è buono: sono lì per decidere se valga la pena che la Delos investa nel parco.

William si innamora di Dolores. Logan, che è cattivo, ferisce Dolores. Dolores, che forse non è proprio tornata a essere un androide come tutti gli altri, reagisce e ferisce Logan (cosa che secondo le regole non dovrebbe fare). William dà di matto e uccide un po’ di androidi, decide che vale la pena investire in Westworld e obbliga Logan ad assecondare la sua volontà. Un po’ dopo rivede anche Dolores, ma capisce che lei si è dimenticata tutto. Ci rimane male.

Trent’anni dopo
William è diventato l'”Uomo in nero”: fuori dal parco è un uomo per bene, dentro al parco è un grande stronzo che uccide androidi senza pietà e passa il tempo a cercare una specie di livello nascosto del parco, una realtà superiore. Pensa che a questa realtà superiore si acceda attraverso un labirinto ma si sbaglia, perché quando lo trova capisce che il labirinto non era un vero labirinto: era un percorso ideato da Arnold perché gli androidi sviluppassero quella “voce interiore” e arrivassero all’autocoscienza.

Intanto Ford è sempre a capo del parco, ma la dirigenza di Delos vuole sbarazzarsi di lui. Negli ultimi anni Ford ha fatto diverse cose. Prima cosa: ha creato un androide con le sembianze di Arnold, l’ha chiamato Bernard Lowe (anagramma di Arnold Weber) e l’ha fatto diventare il suo principale collaboratore. Bernard non sa di essere un androide e non lo sanno nemmeno quelli che lavorano con lui. Seconda cosa: Ford ha creato delle “ricordanze” nei robot: un sistema che permette loro di ricordare alcune cose delle loro giornate, per rendere i loro sentimenti più profondi. Lato positivo: si comportano in maniera ancora più realistica. Lato negativo (ma sono punti di vista): se gli androidi iniziassero a ricordare che sono solo dei robot-marionetta che fanno sempre le stesse cose e vengono continuamente picchiati, uccisi e stuprati, potrebbero non essere più così controllabili.

Ford sa che quelli della Delos stanno per cacciarlo dal parco e decide quindi di far sì che, anche grazie alle ricordanze, gli androidi prendano coscienza della loro condizione e si ribellino. Insomma: non è che gli androidi si ribellano per un errore, lo fanno perché lo ha voluto Ford, sapendone le conseguenze, forse anche per se stesso.

Tra gli androidi che iniziano a ricordare qualcosa c’è Maeve (Thandie Newton), che è stata programmata per fare la prostituta ma scopre – trovando una pallottola nel suo addome, nonostante l’assenza di una cicatrice – che è già “morta” altre volte, e che è stata in qualche modo “riparata”. Maeve riesce quindi a farsi uccidere di proposito per risvegliarsi fuori da Westworld, dove gli androidi vengono riparati. Lì obbliga degli umani a manomettere il suo software per renderla intelligentissima e impossibile da disattivare. Ha intenzione di fuggire dal parco e ribellarsi agli umani.

Quindi, e siamo ai tanti eventi dell’ultimo episodio
Dolores guida una ribellione nel parco e insieme ad altri androidi uccide molti umani che erano andati lì per vedere in anteprima una grande e nuova linea narrativa ideata da Ford. Dolores spara anche a Ford, più o meno come aveva sparato ad Arnold, ma non è dato sapere se Ford sia davvero morto o se, avendo architettato il tutto, quello non era il vero Ford ma una sua replica-androide.

Maeve guida una ribellione fuori dal parco. Uccide un po’ di umani e a un certo punto riesce persino a salire sul treno che le permetterebbe di andare nel mondo vero, perché si ricorda che in passato aveva interpretato un personaggio che aveva una figlia, e vuole rivedere questa figlia.

Sì, è un gran casino
Ford, che a quanto pare tirava i fili di tutta la baracca, forse è morto. Gli androidi si sono ribellati e gli umani non hanno idea di come sia successo. Per arrivare un po’ meno confusi al primo episodio della seconda stagione, un breve punto su chi è chi, e cosa è impegnato a fare.

– Dolores è l’androide che ha visto più cose, sa più cose e dimostra di ricordare il passato: si ricorda di Arnold e si ricorda anche di William. E Dolores è anche Wyatt, il pazzo omicida che per gran parte della prima stagione non si sapeva chi fosse.
– Maeve vuole cercare sua figlia. Ha anche scoperto che il suo iniziale desiderio di fuga era stato inserito nel suo codice da Ford, per creare lo scompiglio a lui necessario.
– William è l’Uomo in nero e nell’ultimo episodio lo si vede mentre assiste alla ribellione dei robot, compiaciuto dal fatto che finalmente le cose si facciano serie e reali. Altra cosa: tra le tante cose che ha fatto l’Uomo in nero c’è anche aver ucciso la figlia del personaggio precedentemente interpretato da Maeve. Lei potrebbe ricordarsene.
–  Charlotte Hale (che finora non era saltata fuori) è uno dei direttori esecutivi di Delos, la società che finanzia il parco: vuole rubare dati e informazioni di Ford e del parco, ma ancora non si sa perché. Era anche lei presente alla ribellione dei robot.
– Ford è morto, ma chissà.
– Bernard ha scoperto di essere un androide – prima da Ford (che poi gliel’ha fatto dimenticare) e poi da Maeve – e si è anche suicidato dopo aver scoperto la sua disperata condizione. Ma Maeve l’ha riattivato.
– Elsie, una collaboratrice di Bernard, aveva scoperto che qualcuno stava cercando di portare fuori dal parco le informazioni sugli androidi, ma forse è morta.
– Theresa, l’amante di Bernard, è morta. Ford l’ha fatta uccidere da Bernard.
– Lawrence è un criminale che trent’anni prima aveva interpretato il bandito El Lazo: è un androide che sembra sapere molte cose utili sul parco.
– Teddy è l’amante di Dolores, che trent’anni prima (quando Dolores era stata Wyatt) l’aveva aiutata a fare la sua strage.
– Ashley Stubbs è il capo della sicurezza di Westworld. Sembra essere un buono.
– Lee Sizemore è il creativo che pensa ai nuovi personaggi e alle nuove linee narrative. Al momento della ribellione degli androidi è nelle stanze da cui si gestisce il parco, non nel parco.


Massimo

giovedì 19 aprile 2018

Avengers: Infinity War. Un evento molto drammatico già nei primi minuti?

Manca solo una settimana all'uscita in sala di Infinity War. Fonti ufficiali parlano di un evento molto drammatico nei primi minuti della pellicola: Kevin Feige precisa che Thanos "farà qualcosa di terribile", i fratelli Russo spiegano che i fan dovranno esseere "emotivamente preparati". Più precisamente, sembra che Thanos ucciderà subito un personaggio importante dell'MCU. ScreenGeek ha assistito alla proiezione della prima parte della pellicola, dove viene mostrata "la morte di uno dei principali personaggi Marvel. Alcuni fan se lo aspetteranno, altri saranno sconvolti. Determinerà il tono del resto del film e del futuro del MCU". Loki? Heimdall? Il Collezionista? Posto che anche gli altri due rischiano grosso, il primo sembra il più indicato a fare scalpore.

Secondo diversi siti, Feige e i Russo avrebbero precisato che nel film ogni morte sarà "definitiva". Mi sembra però un'intepretazione forzata di frasi molto sibilline, considerando che: 
- è stato detto più volte che cadranno diversi eroi 
- Strange ha la Pietra del Tempo
- alla fine di questo film o del prossimo, presumibilmente il Titano sarà sconfitto (sarà determinante Gamora?) e dunque potrebbe essere possibile usare le Pietre per far tornare gli eroi caduti. 
Tra l'altro, era intrigante - e plausibile alla luce dei trailer - l'ipotesi sui viaggi nel tempo, con il doppio scontro di Peter Parker, in versione classica e Iron-Spider. 

Le dichiarazioni di Feige mi sembrano invece confermare la svolta della fase 4, che potrebbe essere sostanzialmente un reboot del MCU: personaggi che ripartono da capo, interpretati da attori diversi, affiancati da nuovi personaggi (ad es. Capitan Marvel), trovando magari un escamotage narrativo per mantenere i nuovi arrivati, come Pantera Nera, Uomo Ragno e Dottor Strange.

Tornando all'inizio drammatico del film: difficile pensare che nei primi minuti tocchi ai Vendicatori principali. Molti compaiono nei trailer in diverse ambientazioni, con costumi diversi (Spider-Man), nella battaglia finale (o comunque in Wakanda, dove dovrebbe spostarsi l'azione nella seconda parte della pellicola). Visione sopravvive al primo attacco di Proxima Media Nox e Corvus Glaive (sarà aiutato da Wanda e salvato da Rogers, Falcon e Vedova Nera) e ricompare con Scarlet in Wakanda: Rogers decide di portarlo lì, in una terra mai conquistata, per proteggere l'amico e la Pietra della Mente nella sua fronte: la battaglia si sposta lì perchè al Titano manca la Pietra Gialla. Oltretutto in uno degli ultimi spot, "Shuri saves Vision" - vediamo la sorella di T'Challa analizzare Visione e la Pietra della Mente, per poi prendersi gioco di Bruce Banner: 
"Perchè non avete semplicemente riprogrammato le sinapsi per lavorare insieme?" 
"Perchè non ci abbiamo pensato" 
"Sono sicura che avete fatto del vostro meglio".
Il tono è leggero, Visione sembra stare bene, di fianco a Banner c'è Scarlet, sullo sfondo si riconosce Stark. Dunque in Wakanda, decisamente dopo l'apertura del film, buona parte della squadra è in forma.





Improbabile che Cap, Iron Man (visto su Titan) o Thor (vedi oltre) escano di scena due ore prima dei titoli di coda, o che cadano gli altri tre "fondatori": Occhio di Falco non compare nei trailer, ma ci sarà nel seguito, Hulk sarà presente in Avengers 4 (e Ruffalo ha firmato un nuovo contratto con la Marvel), Vedova Nera (cui potrebbe essere dedicata una futura pellicola) è uno dei pochi protagonisti femminili dell'MCU; questi ultimi due, come Visione e Scarlet, compaiono nelle scene in Wakanda, dove avverrà la battaglia finale. I Guardiani, magari in formazione rimaneggiata, compariranno nel loro terzo capitolo.



Anthony Russo ha dichiarato che il punto di vista del film sarà quello su Thanos, e che il villain e il Tonante avranno molto minutaggio. Molto più probabile la fine di Stark o Rogers nel finale di Infinity War o nel sequel, che potrebbe riguardare l'utilizzo del Guanto dell'Infinito e dovrebbe includere flash-back/viaggi nel tempo, dato che gli eroi avranno spesso vecchi costumi o vivranno scene del passato. 


 

Massimo

mercoledì 18 aprile 2018

Avengers: Infinity War. Cinque poster per cinque team (e Pietre).

Cinque character poster di Infinity War: in ognuno vediamo un gruppo di eroi con a capo un Vendicatore - il che può darci qualche indicazione sulla trama - inoltre una luce di colore diverso illumina il logo degli Avengers, richiamando una delle cinque Pietre dell'Infinito "note". In alcuni casi l'abbinamento personaggi/Pietra non sembra pertinente. 
Manca, com'era prevedibile, la Pietra dell'anima, così come Occhio di Falco, che potrebbe non partecipare alla lotta contro Thanos (ma figura nel cast) per poi ritornare in Avengers 4 come Ronin. I due registi assicurano che l'attuale assenza dell'arciere è legata alla storia e sarà chiarita dal film, mentre riguardo il villain, i fratelli Russo hanno dichiarato: "avevamo pensato di mostrare il suo passato ma alla fine, non sembrava necessario per la pellicola, che sarà narrata dal punto di vista di Thanos". Più che governare l'universo, sembra che il titano voglia fare pulizia per dargli un ordine, secondo una sua particolare "etica", o per evitare che faccia la triste fine del suo pianeta Natale.


Fonte: leganerd.com


Team Iron Man: Stark, Spider-man, Dottor Strange e Wong. Sostanzialmente la squadra che interviene a difendere New York dall'attacco di Thanos per poi seguirlo su Titan, suo pianeta d'origine.
Il rosso è il colore della Pietra della Realtà: contenuta nell'Ether, era stata tolta a Malekith dal Tonante (in Thor: The Dark World) e consegnata al Collezionista per non custodire troppo vicine due pietre dell'Infinito (punto debole della teoria secondo cui la Pietra dell'Anima sarebbe ad Asgard, in particolare posseduta da Heimdall). Dal trailer di Infinity War sappiamo che è una delle prime due Pietre a cadere in mano a Thanos.





Team Black Panther: T'Challa, Vedova Nera, Hulk e Okoye. Questi eroi, e quelli dei due team successivi, prenderanno parte allo scontro in Wakanda contro il Titano Pazzo. Il verde è il colore della Pietra del Tempo, che però dovrebbe essere custodita dal Dottor Strange.



Team Steve Rogers: (l'ex) Captain America, con Bucky "Soldato d'Inverno" Barnes, Mantis, Nebula e Shuri, associati al blu della Pietra dello Spazio, che però Loki ha portato via da Asgard in fiamme, per poi darla a Thanos.
Nella scena post-credit di Black Panther, Shuri chiama Bucky "White Wolf", Lupo Bianco. La sorella di T'Challa dovrebbe aver eliminato il condizionamento del Soldato D'Inverno. White Wolf - che sarà l'identità dell'amico di Steve Rogers in Infinity War - nei fumetti è un bianco adottato dalla famiglia reale di Wakanda: cresciuto come fratello adottivo di T'Challa, diverrà capo della Hatut Zeraze, la polizia segreta. Un ruolo che nel MCU è stato in parte rivestito da Killmonger nel recente film su Pantera Nera.




Team Vision: Scarlet e il sintezoide, Falcon, War Machine. La Pietra della Mente, incastonata nella fronte di Visione, è gialla: Proxima Media Nox e Corvus Glaive cercheranno di staccarla dalla fronte del Vendicatore - mettendolo in grave pericolo - per portarla a Thanos. Secondo Empire, Rogers/Nomad, Falcon e Vedova Nera salvano Visione. Anthony Russo conferma che l'androide sopravvive all'attacco e parteciperà alla battaglia principale.






Team Guardians of the Galaxy: Thor è in compagnia di Star-Lord, Gamora, Rocket Racoon, Groot, Drax. L'incontro tra il tonante e il gruppo è stato mostrato in diversi trailer e presumibilmente segue lo scontro tra Thanos e l'astronave degli asgardiani. Ottenuto ciò che vuole (solo la Pietra dello Spazio?), il Titano scaraventa Hulk sulla Terra (dicendogli di avvisare del suo arrivo gli altri Vendicatori) e Thor nello spazio, mandandolo contro l'astronave dei Guardiani, che lo soccorrono (e Mantis lo risveglia).
I Guardiani dovrebbero unirsi al team Iron-Man su Titan. La Pietra del Potere, viola, era stata consegnata dal gruppo al Nova Corp, su Xandar, ma l'abbiamo vista nel guanto indossato da Thanos.


Massimo

martedì 10 aprile 2018

Avengers: Infinity War. Altro trailer, altre novità

Nei nuovi spot televisivi di Infinity War vengono aggiunti pochi fotogrammi inediti, ma in alcuni casi le anticipazioni sono interessanti. Partiamo dando un'occhiata all'ultimo arrivato, il "Chant TV SPOT".




Proseguiamo con una carrellata sulle piccole novità emerse nelle ultime settimane. Da queste parti non si era ancora parlato della reazione di Thor e Loki all'arrivo dell'astronave di Thanos.


L'ovale blu al centro dello schermo è l'astronave degli Asgardiani: lo scontro è chiaramente impari.

A New York, Peter, percepito il pericolo grazie al senso di ragno, chiede all'amico di distrarre gli altri passeggeri del bus, in modo da poter entrare in azione come Spider-Man.
 

Ma sappiamo che il tragico scontro con il costume classico avverrà su Titano, rappresentato come un pianeta arancione con due stelle (nei fumetti si tratta invece dell'omonima luna di Saturno).




Toni Stark spiega a Wong (e Strange?) che serve aiuto. Probabilmente sta per usare il telefono ricevuto da Steve Rogers alla fine di Civil War.
 


Visione, che utilizza le nanotecnologie per assumere un aspetto più umano, approfondisce la sua relazione con Scarlet, in un viaggio in Europa (Sokovia? le successive scene d'azione sono state girate a Edinburgo). Qui dovrebbe avvenire lo scontro con Proxima Media Nox, membro dell'Ordine Nero di Thanos, intenzionata a strappare la Pietra della Mente dalla fronte dell'androide. Tentativo evidentemente non riuscito (interrotto da Vedova Nera?) dato che Visione arriverà in Wakanda vivo, benchè malconcio, e con la Pietra ancora incastonata: in terra africana dirà alla bella Scarlet che è troppo tardi.







"We're out of time"

Ci sono due indizi del fatto che Steve Rogers potrebbe essere potenziato da una Pietra (Anima?), dal Vibranio o dall'Erba a Forma di Cuore utilizzata da Pantera Nera. Il primo è l'epica scena in cui ferma un pugno di Thanos, il secondo è il momento in cui blocca la lancia di Proxima Media Nox, un'azione che dovrebbe essere fuori portata anche se l'arma venisse depotenziata rispetto alla versione cartacea: creata da Thanos con una stella intrappolata in una singolarità quantistica, nei fumetti la lancia ha un effetto diverso a seconda di come viene usata e di chi colpisce, può emettere energia e segue il bersaglio senza mai mancarlo, è stata in grado di trasformare Hulk infuriato in Bruce Banner. In particolare, tornando alla forma stellare acquisce una massa infinita in grado di bloccare qualsiasi preda.



 Steve, ce la racconti giusta?


Lo stesso (ex) Capitan America in Wakanda ritrova l'amico Bucky, che Shuri dovrebbe aver liberato dal condizionamento dell'Hydra, come si apprende nel fumetto Avengers: Infinity War Prelude. Dopo gli sconvolgimenti che porteranno alla fase 4 del MCU, potrebbe essere l'ex Soldato d'Inverno il prossimo a portare lo scudo.


Uno tra e Sam e Bucky sarà il prossimo Cap?


T'Challa spiega che questa volta il suo popolo non combatterà per se stesso, ma per tutti.
 

In Wakanda, anche nei momenti più drammatici, c'è ancora spazio per le gag. Okoye si rivolge a T'Challa: "Quando parlavi di aprire il Wakanda al resto del mondo, questo non era quello a cui pensavo". "Che cosa immaginavi?". "Olimpiadi o magari uno Starbucks?" 

 

 

La cosa più interessante potrebbe essere la manciata di fotogrammi in cui nel guanto di Thanos compaiono 4 Pietre dell'Infinito: in particolare l'ultima a destra sembrerebbe arancione, dunque la misteriosa Pietra dell'anima, finora apparsa solo nella spiegazione del Collezionista (ne I Guardiani della Galassia). Ma potrebbe essere un gioco di luci o un depistaggio voluto (anche perchè la scena del pugno a Steve Rogers sembra svolgersi in Wakanda, dove dovrebbe avvenire la battaglia finale, e lì le Pietre sono due). Oltre alla viola (Potere) e l'azzurra (Spazio, dovrebbe essere quella che nella foto sta brillando), già viste negli altri trailer, avrebbe dunque così ottenuto la più pericolosa (vedi il già citato preludio cartaceo a Infinity War) nonchè quella della Realtà, custodita dal Collezionista (che in qualche filmato è a terra minacciato dal Titano, proprio per via della Pietra). Se fosse così, Thanos arriverebbe sul pianeta degli Avengers con tutte le Pietre tranne le due "terrestri", Mente e Tempo (ossia la gialla nella fronte di Visione e la verde nell'Occhio di Agamotto custodito dal dottor Strange), intenzionato a collocarle in corrispondenza del pollice e del dorso della mano. Un'ipotesi ricorrente è che il Titano riesca ad ottenere le sei pietre solo alla fine di Infinity Wars, e dunque usi il guanto completo solo nel film successivo. Questo spiegherebbe perchè il vero nome del quarto episodio non possa essere ancora svelato: un ottimo titolo per Avengers 4 a quel punto sarebbe Infinity Gauntlet.

Massimo

martedì 27 marzo 2018

Avengers: Infinity War. Chi ci saluterà?


Una delle anticipazioni più ricorrenti sul terzo film dei Vendicatori riguarda il fatto che cadranno diversi eroi, non necessariamente "di secondo piano". Posto che anche nell'MCU le dipartite possono essere temporanee come nei fumetti (Philip Coulson è tornato, ma ad esempio Quicksilver no), gli appassionati si stanno chiedendo a chi toccherà. Il discorso delle dipartite si intreccia con i rinnovi contrattuali (Chris Evans sembra voler abbandonare il personaggio di Steve Rogers, Robert Downey Jr non dà conferme sul futuro). Se non dal prossimo Avengers (dove vedremo diversi eroi in periodi precedenti e probabilmente si viaggerà nel tempo), dalla fase 4 potrebbero cambiare le facce dei big del gruppo, magari in analogia con i fumetti, dove di recente:
- il testimone di Capitan America è stato raccolto da Sam "Falcon" Wilson (e prima ancora da Bucky "Soldato d'Inverno" Barnes)
i poteri e l'identità di Thor sono stati dati a Jane Foster 
- è comparsa una controparte femminile di Iron Man (Riri "Ironheart" Williams) e Occhio di Falco (Kate Bishop). 

Riguardo Clint Barton, in base all'assenza nel trailer di Infinity War, si ipotizza che stia per adottare anche nel MCU l'identità di Ronin, il ninja mascherato: considerando che sarà ricercato dalle autorità per essere evaso dal Raft, potrebbe essergli utile. A ulteriore conferma, in alcune foto sul set (probabilmente di Avengers 4) non ha il costume da Hawkeye ma gli stivali con bordature gialle, tipiche appunto di Ronin.

Dal set di Avengers 4: Clint Barton diventa Ronin?

Tornando ad eventuali cadute di eroi in Infinity Wars: penso che possa lasciarci le penne uno degli eroi principali, magari Capitan America, da far tornare con qualche escamotage narrativo (es. impersonato da un altro attore/personaggio) magari seguito da diverse "figure intermedie": purtroppo rischia Visione, visto che tra gli obiettivi di  Thanos c'è la Pietra della mente; idem Vedova Nera e Occhio di Falco - se ci sarà - in quanto non potenziati; anche Falcon non sembra abbastanza forte e protetto per resistere al Titano Pazzo; War Machine ha già dato, ma chissà... 

Circola inoltre un'ipotesi interessante, che prevede un ritorno praticamente immediato. In base ai filmati diffusi, Spider-Man, Doctor Strange, Iron Man dovrebbero essere impegnati a difendere New York dall'attacco di Thanos, presumibilmente intenzionato a prendere dallo stesso dottor Strange la Pietra del tempo. Quest'ultima potrebbe essere utile anche a recuperare la Pietra dell'Anima, consentendo al Titano Pazzo di andare all'ultima posizione conosciuta di quest'artefatto, la cui ubicazione probabilmente è ignota da molto tempo.

L'arrivo del villain è annunciato da un grande anello fluttuante, che si rivelerà una sorta di astronave civetta, Q-Ship. In due diversi filmati abbiamo visto Spider-man aggrappato all'anello, ma in un caso (teaser di novembre) con la versione Iron-Spider, in un altro (trailer al Super Bowl) con il costume "classico" (lo stesso che Peter indossa quando lo vediamo malmenato da Thanos). E qui scatta la teoria dei viaggi nel tempo (elemento che la produzione ha sostanzialmente annunciato per il successivo film degli Avengers). 

Nei filmati vediamo l'anello schiantarsi in un posto desolato: la Marvel ha dichiarato che si tratta di Titan, "il pianeta natale in rovina di Thanos”. Probabilmente a bordo dell'astronave ci sono anche Stark e Parker (saliti perchè è stato catturato il Dottor Strange?) che una volta atterrati incontreranno i Guardiani della Galassia (allarmati dal furto della "loro" Pietra del Potere?): già dai filmati diffusi al D23 Expo e al Comic-Con di San Diego, sappiamo che Tony Stark e Spider-Man insieme a Peter "Star-Lord" Quill affrontano Thanos su un pianeta arancione. Abbiamo visto il leader dei Guardiani contestare l'idea di Tony di usare le Pietre dell'infinito come esca, e il Dottor Strange emettere cerchi magici per consentire a Star-Lord di spostarsi tra le macerie. In un altro spezzone Peter Parker sembra ferito gravemente, affiancato da un Tony Stark affranto e commosso.

A questo punto ipotizziamo che nel confronto con Thanos quasi tutti gli eroi coinvolti abbiano la peggio. Il Dottor Strange, sopravvissuto, potrebbe farli tornare in vita con la Pietra del Tempo (l'Occhio di Agamotto). A questo punto avverrà un nuovo scontro - presumibilmente la battaglia finale, in Wakanda - e gli Avengers si avvantaggeranno dell'esperienza del primo, in particolare Peter utilizzerà il costume da Iron Spider.



 (Spot del Super Bowl) Costume "classico" - Fonte: ign.com

Costume Iron-Spider - Fonte: ign.com




Altre cose che ci possono suggerire i trailer e altri filmati, e che non ho già scritto su queste pagine? Bruce Banner precipita nella casa di Strange a New York. Qui trova, oltre al padrone di casa, Wong e Stark. Quest'ultimo userà un cellulare, presumibilmente quello che gli ha lasciato Steve Rogers dopo la "separazione" di Civil War, per chiamarlo in caso di necessità (e questo sembra esserlo!).
 
Fonte: ign.com

Nell'inquadratura in cui Natasha Romanoff, Bruce Banner e James Rhodes (rimesso in piedi da protesi Stark o dalla stessa armatura da War Machine?) guardano il cielo, l'architettura sottostante fa pensare che siano già in Wakanda. Banner teme di non tornare più se stesso in caso di trasformazione in Hulk, per questo probabilmente nella terra di T'Challa lotterà dentro l'Hulkbuster...



Fonte: ew.com



... ma a un certo punto lo si vedrà in "versione classica" (uscirà dall'armatura o la farà a pezzi come i vestiti?). Inoltre, lo scudo che Pantera Nera ordina di procurare a Steve Rogers, dovrebbe essere quella coppia di protezioni che si vede sugli avambracci dell'ex Capitan America (si farà chiamare Nomad?).





Un inquadratura in cui la Pietra rossa (Potere) è già nel guanto di Thanos, sembra ambientata sulla nave degli Asgardiani. Dunque, al momento dell'incontro con Thor il villain potrebbe aver già "visitato" il pianeta Xandar e i Nova-Corps. Secondo il coregista Joe Russo, Thanos si libererà dell'armatura man mano che conquisterà le gemme: "Una volta che inizia a prendere possesso delle Gemme dell'Infinito, non gli serve più l'armatura nello stesso modo in cui ne benficiava quando era un signore della guerra. Si tratta di un costume piuttosto simbolico".

Fonte: ew.com


Come si vede nel filmato del San Diego Comic-Con, Thor, dopo l'attacco di Thanos agli Asgardiani, precipita sulla Milano, l'astronave dei Guardiani della Galassia. Mantis, che tra i suoi poteri ha la manipolazione empatica e del sonno, lo risveglia.

 
Massimo

martedì 20 marzo 2018

Avengers: Infinity War. Sì, ma la Pietra dell'anima?

Delle 6 Pietre dell'infinito, elemento centrale dell'imminente Avengers: Infinity War e sostanzialmente colonna portante di 10 anni di film dell'MCU, non è ancora comparsa quella dell'anima, di cui per ora conosciamo il colore, arancione, la posizione nel guanto di Thanos, in corrispondenza del mignolo (se i modelli mostrati sono accurati). Inoltre, vedremo tra poco, la caratterizza una pericolosità addirittura superiore a quella delle altre pietre. Sembrava ragionevole aspettarsi che fosse in Wakanda, e che dunque comparisse in Black Panther, ma così non è stato. Fermo restando che anche nella prossima pellicola l'immaginario Stato africano avrà un ruolo importante e dunque potremmo trovare lì la pietra mancante, ci sono altre interessanti teorie. Io punto su Heimdall.


Nel fumetto "Avengers: Infinity War prelude" Wong dà notizie poco rassicuranti sulla sesta pietra

Nella seconda parte del preludio (cartaceo) a Infinity War, Wong racconta al Dottor Strange la storia delle pietre, e spiega che l'attivazione delle prime 5 annuncia il manifestarsi della sesta, la più pericolosa. Nell'illustazione del libro consultato da Wong, vediamo tre pianeti. La pietra potrebbe essere il pianeta arancione che apre il trailer di Infinity War, e sui cui forse alcuni Vendicatori combatteranno Thanos? Teniamo presente che le altre pietre avevano contenitori abbastanza eterogenei, e che nei fumetti attualmente in edicola negli Stati Uniti una gemma ha assunto le dimensioni del planetoide su cui è precipitata.

La sesta pietra dell'infinito? Fonte: vulture.com

L'ipotesi più affascinante e aderente alla versione cartacea, benchè improbabile, è che la pietra dell'anima sia custodita da Adam Warlok. James Gunn, regista dei due Guardiani della Galassia, ha smentito il convolgimento in AIW del personaggio, che non è ancora comparso nel MCU: finora abbiamo visto solo il suo "bozzolo" ne I Guardiani della Galassia e in Thor: The Dark World, mentre nelle scene post-credit di GotG Vol. 2, Ayesha annuncia la creazione di Adam. 

 Adam Warlok e la gemma dell'anima (verde, nei fumetti) - Fonte: vanityfar.com


Le altre ipotesi sono quasi tutte "asgardiane", e potrebbero convergere sull'idea che la Pietra sia Asgard stessa, non fosse per il fatto che come luogo è stato distrutto in Thor: Ragnarok e non per mano del Titano.


 E se la pietra dell'anima fosse nell'armatura di Heimdall? - Fonte: comicbook.com

Segue quella che è a mio avviso la supposizione più concreta, sia per la plausibilità sia perchè riguarda un personaggio che sarà presente in Infinity War: Heimdall può vedere tutte le anime dei nove regni proprio perché ha la Pietra dell'anima, che dà ai suoi occhi quella luminescenza arancione. In Avengers: Age of Ultron, i poteri di Wanda procuravano a Thor una visione, relativa a diverse Pietre dell'infinito, ma in cui il Tonante vedeva anche gli Asgardiani nel regno di Hel. Tra questi, Heimdall, reso cieco: l'ipotesi è che la visione sia relativa all'arrivo di Thanos, e che il Titano Folle massacri gli asgardiani e accechi Heimdall per prendere la Pietra dell'anima. Questa potrebbe trovarsi nella sua armatura, al centro del petto. Qualcuno aguzzando la vista ha notato nel trailer una spada che potrebbe essere di Heimdall, alle spalle di Proxima Media Nox. L'unico aspettonon mi convince: presumibilmente, Thanos incontra e massacra gli asgardiani all'inizio di AIW (si vede già la sua astronave al termine di Thor: Ragnarok), quindi se la Pietra arancione ce l'avesse Heimdall, il titano dovrebbe entrarne in possesso subito, ma nel trailer non compare (mettiamo pure in conto eventuali flash back, viaggi nel tempo e "manipolazioni" del filmato per non svelare in anticipo uno dei principali misteri del MCU).




Gli occhi più attenti possono riconoscere, alle spalle di Proxima Media Nox, la spada di Heimdall - Fonte: wegotthiscovered.com

Altra ipotesi "asgardiana": Odino, uno degli esseri più potenti del MCU, deve i suoi poteri alla Pietra dell'anima, e li può infondere agli altri, per esempio caricando il martello di Thor e dando le visioni a Heimdall. La pietra sarebbe nascosta dietro la benda e conferirebbe l'Odinforce, con cui il padre di Thor manteneva la pace tra i regni. Questa teoria viene sostanzialmente smontata dagli eventi di Thor: Ragnarok dove Odino muore ma non per mano di Thanos, e il Mjolnir viene distrutto da Hela. 

 La pietra dell'anima dietro la benda di Odino? Fonte: geektyrant.com

A meno che il grande potere di Hela non derivi proprio dall'essersi impossessata della pietra... D'altra parte anche la sorella di Thor emette bagliori arancioni, e - come la Pietra - è rimasta "lontano dalla scena" per molto tempo.

Anche Hela emette bagliori arancioni... Fonte: screenrant.com


EDIT: secondo un'altra voce ricorrente, la Pietra arancione potrebbe essere in possesso di Stark. Non mi convince del tutto, anche perchè collocherebbe un'ulteriore Pietra su uno stesso pianeta e oltretutto a poca distanza (la Pietra della Mente è nella testa di Visione, quella del Tempo è custodita dal dottor Strange): i registi hanno sottolineato l'importanza delle ambientazione spaziali proprio perchè evitano che le Pietre siano tutte sulla Terra e negli Stati Uniti. Nei fumetti, la "concentrazione" viene probabilmente spiegata con la particolare collocazione del pianeta Terra, crocevia dell'universo, spesso al centro della guerra tra razze aliene come Kree e Skrull.


Infine una curiosità sul film in arrivo: la data di pubblicazione dell'ultimo (?) trailer di Avengers: Infinity War, 16/03/2018, era "nascosta" in una scena di "Spider-Man: homecoming". Più precisamente era la data di scadenza delle caramelle acquistate da Peter nel Deli Store.

Fonte: badtaste.it


Massimo

venerdì 16 marzo 2018

Avengers: Infinity War. Nuovo trailer!


Eccolo. Annunciato ieri dalla Marvel, è stato pubblicato il nuovo trailer di Avengers: Infinity War, l'attesa pellicola che uscirà in Italia il 25 aprile. 
Che cosa vediamo? Gamora avvisa Tony Stark dell'entità della minaccia: Thanos da sempre vuole spazzare via metà dell'universo, e ci riuscirà schioccando di dita se metterà le mani sulle Pietre dell'Infinito. Steve Rogers (in borghese/versione Nomad), Natasha Romanoff (platinata), Bruce Banner, Visione (ancora con la Pietra della Mente in fronte), Scarlet, Sam Wilson e James Rhodes (questi ultimi senza armature) arrivano in Wakanda, accolti dal re T'Challa e dalle sue Dora Milaje. Bucky Barnes, come abbiamo scoperto dal fumetto "Preludio a Infinity War" (vedi fine post), viene curato da Shuri, sorella di Pantera Nera, che utilizza la sua genialità e la sofisticatissima tecnologia wakandiana per cancellare il condizionamento del Soldato d'Inverno. La stessa ragazza studia Visione e la sua Pietra, uno degli obiettivi di Thanos.
Peter "Star-Lord" Quill contesta il piano di Stark, soprendendo in particolare Peter Parker (con il costume Iron-Spider ma a volto scoperto). Thor sembra in gran forma ma non abbastanza per sovrastare il titano pazzo, che invece rimane stupito da Rogers, che blocca un suo pugno. Com'è possibile? Thanos può aver sottovalutato l'umano, ma - anche senza usare il potere delle pietre - dovrebbe essere abbastanza forte da rendere lo scontro impari, ma il Titano sembra sorpreso e in difficoltà. Rogers utilizza una Pietra o tecnologia wakandiana?
Abbiamo conferma del fatto che Fauce d'Ebano "controllerà" il doctor Strange (per prendere l'occhio di Agamotto, avere informazioni sulle altre Pietre, o forzare alcuni sortilegi?). Vediamo per brevi istanti gli altri Guardiani della Galassia, l'Hulkbuster (con dentro Banner, probabilmente intenzionato a non trasformarsi, ma costretto dall'attacco in massa da parte degli Outrider), i "figli di Thanos" insieme a Loki, la distruzione portata dai macchinari del titano. Il trailer si conclude, ca va sans dire, con una gag: Peter si presenta al mago supremo, che ricambia dicendo "Dr. Strange". "Ah, usate il nome inventato? Allora io sono Spider-Man". 
In giornata il trailer è uscito anche in italiano.




Dal fumetto "Avengers: Infinity War Prelude": 
- Accompagnato da Bucky (ancora senza braccio, quindi subito dopo l'epilogo di Civil War) Cap raggiunge il Raft con il Quinjet rubato in Germania e libera i Vendicatori arrestati: Wanda, Falcon, Occhio Di Falco e Ant-Man. Solo Falcon rimane operativo: Clint Burton annuncia le dimissioni per godersi la famiglia, Scott Lang viene invitato da Cap a fare lo stesso (sarà richiamato d'urgenza quando comparirà Thanos, o lo rivedremo in  Ant-Man and The Wasp?), Wanda raggiunge Visione, che per agevolare la relazione con la ragazza usa i suoi poteri per assumere il più possibile sembianze umane.


- Qualche settimana dopo, Cap torna in Wakanda, dove assiste con Bucky alla spiegazione di T'Challa sul metodo che può usare la sorella Shira per rimuovere la programmazione Hydra dal Soldato d'Inverno: prima una copia digitale del cervello di Bucky, su cui sperimentare più volte il trattamento senza arrecare danno alla persona, quindi una rimozione dell'estensione dei ricordi, manipolati per condizionare il suo comportamento, quindi l'uso di un algoritmo per eliminare l'influenza delle parole "innesco". Si parla di una sorta di "reboot" della mente. L'algoritmo consente inoltre a Wakanda di fare progressi notevoli nel campo dell'Intelligenza Artificiale, ben oltre il livello raggiunto da Tony Stark con Ultron.

- Qualche mese dopo, Cap, Vedova Nera e Falcon sono in Siria, dove bloccano la consegna di un'arma chitauri a una cellula terrorista. Sembra certo il coinvolgimento del governo americano (la molla che spingerà Steve Rogers ad abbandonare lo Scudo e diventare Nomad?). Cap non vuole coinvolgere Tony nella neutralizzazione dell'arma.


- Allo stesso modo, Tony è al corrente di una nuova enorme minaccia, ma non vuole chiamare Cap, preferendo agire da solo (ottimo modo per agevolare un nuovo disastro... ma Tony non era uno delle menti più brillanti del mondo Marvel? In ogni caso, nel MCU Shira sarà considerata molto più intelligente di lui e di chiunque altro sulla terra).


- Compare un costume dell'Uomo Ragno, presumibilmente un'armatura Iron-Spider (già intravista al termine di Homecoming)
- Tony costruirà una nuova armatura anche per sé (diversa dall'Hulkbuster, se questa andrà a Bruce Banner)


Massimo
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...